Come eliminare i roditori

Come eliminare i roditori

Utilizzare sempre un'esca fresca. I roditori eviteranno le esche vecchie e già utilizzate. Prima di piazzare la trappola, provate ad eliminare ogni altra fonte di cibo alternativa alla vostra esca, così da "indirizzare" l'ospite indesiderato verso una sola direzione.

Quando si tenta di adescare un ratto, la distanza consigliata tra la vostra posizione e l'esca va da i 4,5 ai 10 metri; questa dipende dallo spazio a disposizione e dalla gravità dell'infestazione. La quantità di esche da utilizzare è direttamente proporzionale al numero di ratti da eliminare. Per le infestazioni più gravi è meglio utilizzare il numero massimo di esche previste dal foglio illustrativo del prodotto in questione. Le esche dovrebbero essere posizionate lungo il tragitto giornaliero del ratto con cui si ha a che fare, come ad esempio tra gli arbusti in giardino, lungo il battiscopa di case e cantine e vicino ad ogni fonte di cibo piazzata da noi e non.

Si consiglia di non utilizzare blocchi o pacchetti interi di esche, bensì è indicato schiacciarle e spargerle per coprire un area maggiore. Una volta messe in posizione, le esche non vanno spostate così da non allarmare i roditori ed è inoltre preferibile utilizzarne sempre dello stesso tipo. Se il topicida scelto è di tipo anticoagulante, ad esempio, l'animale si nutrirà a più riprese dell'esca affinché il principio attivo possa accumularsi nel fegato per causarne la morte; ciò ha portato, nel caso di consumo di quantitativi sub-letali, alla comparsa di ceppi di roditori immuni a queste sostanze.

Esistono altri tipi di topicidi:

1.Topicidi acuti

2.Topicidi sub-acuti

3.Topicidi non anticoagulanti

-I topici acuti, o fulminanti, in grado di provocare la morte dei roditori nel giro di poche ore e con una sola ingestione, ma sono tossici e nella quasi totalità privi di antidoti;

-I topicidi sub-acuti uccidono il topo nell'arco di alcuni giorni, anche se ha ingerito una sola dose di veleno. Causano un’alterazione della funzione digestiva;

-I topicidi non anticoagulanti sono l’ultima novità del mercato in fatto di rodenticidi, di cosiddetta origine “naturale”, infatti sono ricavati da un tipo modificato di cellulosa del granoturco, con aggiunta di melassa e grano.

Alcune tipologie di esche
Contattaci
Caricamento in corso ...