Gryllus bimaculatus

 

gryllus bimaculatusIdentificazione e Biologia

 

Il grillo bimaculato, conosciuto anche con il nome scientifico di Gryllus bimaculatus, è un ortottero appartenente alla famiglia dei Gryllidae e fa parte delle molteplici specie chiamate “grilli di campo“.

Questa specie infatti è nota anche come “Grillo di campo africano” o “Grillo di campo mediterraneo” e si distingue dagli altri membri appartenenti al genere Gryllus per due macchie gialle poste sul pronoto, alla base delle ali.

Questa specie viene utilizzata come cibo per animali insettivori quali ragni e rettili.

 

 

 

Aspetto Fisico

Le dimensioni corporee del grillo bimaculato vanno dai 20 ai 30 mm; il colore del corpo è generalmente nero.
Le femmine si differenziano dai maschi per la presenza dell’ovopositore.

gryllus bimaculatus

Comportamenti

Nel caso in cui si sentissero in pericolo o minacciati, i maschi della specie iniziano a vibrare.
Il “canto” emesso da questa specie di grillo è particolarmente rumoroso.
Il grillo bimaculato non ha l’abitudine di costruire il nido, ma bensì vive tra le pietre.

 

Ciclo Riproduttivo

La riproduzione ha luogo durante i periodi di primavera ed estate; le femmine arrivano a deporre più volte nel corso della stessa stagione riproduttiva e arrivano all’accoppiamento con il maschio grazie al suono prodotto attraverso lo sfregamento delle ali coriacee.
Le femmine di grillo maculato utilizzano l’ovopositore per deporre le loro uova all’interno del terreno umido, che si schiuderanno nel giro di circa 2 settimane.
I grilli appena nati, chiamati neanidi, sono identici agli esemplari adulti ma senza le ali e misurano 1 mm circa.
Le neanidi impiegano circa 2 settimane per raggiungere lo stadio adulto.

 

Danni Provocati

Un grillo da solo non rappresenta una vera e propria minaccia ma una popolazione più ampia può creare dei seri disagi; le colture, i tessuti e i prodotti alimentari ne risentirebbero.

 

Contattaci
Caricamento in corso ...