Ixodes ricinus

 

Identificazione e Biologia

 

ixodes ricinus anatomy

 

L’esemplare Ixodes ricinus, conosciuto con il nome comune di zecca dei boschi, è un aracnide che appartiene alla famiglia Ixodidae; questa zecca è ematofaga e condiziona le proprie fasi di crescita in base all’assunzione di cibo.

 

Distribuzione

La zecca dei boschi può essere rinvenuta in tutte le zone particolarmente temperate, dalle coste sull’oceano atlantico fino agli Urali, dalla Scandinavia meridionale fino all’Africa occidentale.
In Italia è presente su tutto il territorio.
La sua diffusione avviene grazie ad ospiti idonei, ai quali le zecche dei boschi si attaccheranno, e al microclima adatto per il loro sviluppo.

 

 

Aspetto Fisico

Le femmine di questo parassita hanno dimensioni maggiori rispetto ai maschi; le femmine adulte variano dai 4 ai 10 mm.
La bocca è composta da un rostro, dai palpi, dai cheliceri, da ghiandole salivari che secernono sostanze cementanti, anticoagulanti e vasocostrittrici per favorire il pasto di sangue sull’ospite.
Durante la fase larvale, il parassita presenta tre paia di arti, quattro nella fase successiva.

 

Biologia:

Ciclo biologico ixodes ricinus

Gli stadi di sviluppo sono 3, suddivisi in:

larva;
ninfa;
adulto.

Ad ogni pasto la zecca effettua una muta e successivamente si sposta su un altro ospite del quale nutrirsi.
Le larve e gli adulti cercano ospiti differenti, i primi si nutrono di piccoli mammiferi e insettivori, come uccelli e lucertole, i secondi di mammiferi decisamente più grandi, come ad esempio l’uomo; il maschio adulto non si nutre.
Le larve hanno l’esoscheletro formato da un sottile strato di cuticolina, che si ispessisce quando si sviluppano.

 

Danni Provocati

All’interno delle ghiandole salivari dell’Ixodes ricinus esiste la possibilità che si sviluppino protozoi e batteri che sono pericolosi per l’ospite scelto dal parassita, compreso anche l’uomo.
Nelle regioni italiane come il Friuli Venezia Giulia, il Veneto, il Trentino-Alto Adige, la Liguria e l’Emilia-Romagna c’è un alto rischio di contrarre la malattia di Lyme e la meningoencefalite (TBE) in seguito a morsi di zecca dei boschi.
L’esemplare può inoltre trasferire alle pecore l’encefalomielite ovina, in inglese louping ill.

 

attenzione zecca ixodes ricinus

 

Disinfestazione Zecche

Questo esemplare può essere particolarmente pericoloso per l’uomo e per molte specie di mammiferi, piccoli e grandi, in caso di infestazione di grave livello è dunque indicato contattare al più presto una ditta di disinfestazioni in zona per intervenire con prontezza ed efficacia.

 

Questa specie appartiene al grande genere degli aracnidi, dunque, per sapere di più sulla disinfestazione Ixodes ricinus, potrete consultare la nostra guida su come eliminare gli aracnidi, clicca qui per leggerla!

 

 

Disinfestazione Ixodes ricinus

 

 

Contattaci
Caricamento in corso ...