Zanzara Anopheles

Anopheles

Identificazione e Biologia

La zanzara Anopheles è un genere di insetti appartenente alla famiglia delle Culicidae sottofamiglia Anophelinae.

Questa specie di zanzara è purtroppo conosciuta per essere la principale fonte di trasmissione di numerose patologie parassitiche che colpiscono l’uomo, vettore principale del plasmodio della malaria, i Anophelesvermi parassiti del genere Dirofilaria ed il virus della febbre chiamata O’nyong’nyong.

 

Aspetto Fisico

La testa è provvista di un apparato succhiatore, che nelle femmine è anche pungente.
L’apparato pungente è un adattamento delle mandibole già esistenti nello stadio larvale. Gli occhi sono composti e dal torace partono tre paia di zampe ed un paio d’ali, che garantiscono un volo costante ma poco efficiente.
La femmina ha la necessità di succhiare ripetutamente il sangue di vertebrati per avere le proteine necessarie per la maturazione delle uova.
Una volta concluso il processo, l’addome sarà pieno di uova.

 

Biologia e Ciclo Riproduttivo

La vita della zanzara Anopheles viene suddivisa in 4 stadi:
uovo;
larva;
pupa;
adulto.

Le uova si schiudono dopo circa 3 giorni dalla loro deposizione.
Le larve che fuoriescono misurano solo qualche millimetro, e si nutrono di microorganismi e particelle organiche che fluttuano nell’acqua circostante.
In genere le larve di questa specie prediligono acque non inquinate ma alcune specie tropicali sono arrivate ad adattarsi a crescere nelle pozze all’interno di tronchi cavi d’alberi, oppure sulle foglie perennemente umide delle piante tropicali.

La pupa è lo stadio successivo nel quale il capo ed il torace si fondono fino a formare un cefalo-torace, e tutto il corpo inizia a presentare una forma estremamente curvata.
La pupa preferisce stare sempre in prossimità della superficie, e respira tramite due sifoni posti nel cefalo-torace.
Dopo un periodo di massimo 5 giorni, la pupa emerge sulla superficie dell’acqua e raggiunge lo stadio adulto.
L’adulto dell’Anopheles è molto simile a quello degli altri tipi di zanzare; la struttura corporea si differenzia in tre regioni: capo, torace, addome.

 

Abitudini Alimentari

Sia i maschi che le femmine delle Anopheles si nutrono del nettare dei fiori; le femmine sono particolarmente sensibili all’anidride carbonica ed al sebo prodotto dalla ghiandole epiteliali dei mammiferi, ma in loro assenza pungono anche altre specie.
L’Anopheles si posa sulla vittima e perfora con l’apparato boccale la pelle.

 

Comportamenti

Le Anopheles preferiscono pungono in genere al crepuscolo oppure di notte; alcune specie preferiscono rifugiarsi e pungere all’interno delle abitazioni, altre invece in luoghi all’aperto.

 

Danni Provocatianopheles gambiae

Come detto poco fa, il genere Anopheles è il vettore preferito da molti parassiti e batteri al fine di diffondersi.

Il plasmodio della malaria affronta metà del suo ciclo vitale proprio nelle Anopheles, nelle quali si inserisce nelle ghiandole salivari della zanzara, proprio come il verme Dirofilaria immitis.

 

Disinfestazione

La lotta all’Anopheles è direttamente proporzionale alla lotta contro la malaria e viene condotta principalmente con l’utilizzo di insetticidi e DDT, i quali hanno permesso l’eliminazione completa della malaria nei paesi del primo mondo.
L’uso improprio di insetticidi inoltre ha avuto la triste conseguenza di inquinare le falde acquifere, e mettere a rischio la sopravvivenza di alcuni generi d’uccelli, ai quali gli insetticidi provocavano sterilità ed assottigliamento dei gusci delle uova.

 

Per sapere di più sulla disinfestazione zanzare contatta Disinfesta o leggi la nostra guida!

Contattaci
Caricamento in corso ...