Identificazione e BiologiaCulex tritaeniorhynchus

Le zanzare appartenenti al genere Culex tritaeniorhynchus, sono le più numerose della famiglia dei Culicidae.
Si tratta di zanzare ematofaghe (che si nutrono di sangue) che vengono considerate il principale vettore di trasmissione di tantissime malattie virali e parassitiche, tra le quali la filariasi e l’encefalite giapponese.

 

Ciclo Vitale e Aspetto Fisico

Il completo ciclo vitale delle delle zanzare Culex tritaeniorhynchus è formato da 4 fasi:
1. uovo;
2. larva;
3. pupa;
4. forma adulta.

 

Le uova vengono in genere deposte sull’acqua, in gruppo oppure singolarmente in base alla specie; dopo un’incubazione di 2 giorni dalle uova usciranno le larve, che misureranno circa 2 mm di culexlunghezza.

Le larve si svilupperanno nelle settimane seguenti alla schiusa, e la velocità della crescita dipende dalla temperatura dell’acqua.

A differenza di altre specie, come ad esempio le Anopheles, le larve prediligono le pozze calme e poco profonde.

Le larve si nutrono di particelle alimentari in sospensione nell’acqua.

Le pupe hanno una struttura corporea curvata molto caratteristica, con la testa ed il torace fusi in un cefalo-torace, e due sifoni, che escono da questi, adibiti alla respirazione.

La fase di pupa è particolarmente breve, ed ha una durata media di pochi giorni.

L’adulto sfarfalla direttamente dall’esoscheletro della pupa.

Nello sfarfallamento i maschi normalmente precedono le femmine di circa un intero giorno, per maturare gli organi genitali.

 

 

Habitat

Le zanzare del genere Culex possono essere trovate in ogni parte del mondo, con una particolare concentrazione nelle regioni subpolari all’equatore.
I maschi di questa specie sono innocui e si nutrono di nettare, mentre le femmine per sviluppare le uova succhiano il sangue dei vertebrati, principalmente mammiferi ed uccelli.
Una femmina adulta succhia il sangue molto spesso ed è causa della diffusione di terribili malattie virali e parassitarie.
Le dimensioni variano moltissimo da specie a specie, dai pochi mm fino a qualche cm.

 

Danni Provocati

Puntura di zanzara
Gli adulti di questa specie entrano in attività dal tardo pomeriggio; le fasce orarie durante le quali pungono sono di sera presto e durante la notte alle 3 circa.
La periodicità delle punture dipendono molto dal luogo, dalla stagione e dal clima; sono necessari vari studi per conoscere l’attività di punture che può giocare un ruolo fondamentale per la protezione personale e per la prevenzione di malattie.

 

 

Disinfestazione Zanzare

Contatta Disinfesta o leggi la nostra guida per una disinfestazione zanzare Culex tritaeniorhynchus!